In ottemperanza delle misure emanate dal governo atte al contenimento del contagio da Covid-19, Aglatech14 opera i suoi servizi in modalità smart working per preservare la salute dei dipendenti e garantire la completa operatività.

Importanza della traduzione delle procure: peculiarità del testo e formalità da espletare

Pubblicato il: 27 Maggio 2021

La procura è uno strumento spesso indispensabile per concludere trattative o espletare formalità di vario genere nei casi in cui una persona non possa essere fisicamente presente alla sottoscrizione di documenti di varia natura. In sintesi, la procura è l’atto mediante il quale un soggetto (rappresentato) conferisce a un altro soggetto (rappresentante) il potere di agire in suo nome e conto nel compimento di atti giuridici i cui effetti sorgeranno direttamente in capo al rappresentato.

A seconda della necessità, le procure possono essere generali o speciali. La procura generale è un atto con cui un soggetto affida a un rappresentante la gestione di tutti i suoi affari, presenti o futuri, viene rilasciata a tempo indeterminato ed è efficace fino alla revoca. Ordinariamente questo tipo di procura è conferita da soggetti residenti all’estero che svolgono attività in Italia, o da persone malate che non sono in grado di provvedere autonomamente alla gestione dei propri affari.

La procura speciale, invece, è un atto con cui un soggetto affida a un rappresentante la gestione di una parte specifica dei propri affari. L’efficacia della procura speciale cessa alla conclusione dell’incarico specifico per cui è stata rilasciata. Alcuni esempi di procura speciale sono la procura per la vendita o l’acquisto di beni immobili, la procura per accettare o rinunciare a un’eredità, la procura a riscuotere somme o a donare. In sintesi, la procura speciale viene conferita dal rappresentato per delegare il rappresentante a compiere uno specifico affare in suo nome e per suo conto.

Tra le procure più comuni c’è la procura alle liti, che l’interessato concede al proprio avvocato di fiducia per essere rappresentato in giudizio, conferendogli i poteri di rappresentanza tecnica. La procura alle liti è indispensabile per consentire a un soggetto di essere difeso da un avvocato durante un processo. In questo caso il cliente conferisce al legale i poteri di agire come suo procuratore. Anche la procura alle liti può essere generale o speciale. È generale quando il cliente conferisce al difensore il potere di rappresentarlo in giudizio in un numero indeterminato di liti o in tutte le controversie in cui è coinvolto, ed è speciale quando riguarda delle liti specifiche.

L’articolo 1392 del codice civile prevede che “la procura non ha effetto se non è conferita con le forme prescritte per il contratto che il rappresentante deve concludere”. In altre parole, la procura deve essere redatta nella stessa forma dell’atto per cui è stata conferita. Per esempio, se si conferisce una procura a  vendere un immobile, la procura dovrà essere conferita mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata. In questi casi si parla di procura notarile, che serve quando la legge prescrive che, per il compimento di un’operazione giuridica, occorre un atto pubblico redatto da un pubblico ufficiale, ossia il notaio. Inoltre, il testo della procura deve specificare con precisione i poteri attribuiti al rappresentante in base alla natura dell’affare e del tipo di procura.

Trattandosi di un documento spesso redatto in una lingua diversa da quella del paese in cui dovrà essere utilizzata, la procura è un tipo di atto che spesso deve essere tradotto. Come per tutte le traduzioni legali, anche per le procure è essenziale conoscere i diversi tipi di ordinamenti giuridici e mantenere lo stile e la terminologia tipici del “legalese”, facendo attenzione in modo particolare ai dettagli relativi ai poteri conferiti per evitare di commettere errori che potrebbero compromettere il buon esito di una trattativa o dell’affare per cui il rappresentato conferisce procura.

Infine, per le procure redatte in Italia da far valere all’estero, in alcuni casi (illustrati nel dettaglio in un mio articolo dedicato all’argomento su Aglablog) occorre asseverare la traduzione, legalizzarla o farla apostillare in Procura o in Prefettura, o presso un consolato.

Carlotta Rossi – traduttrice freelance con specializzazione in ambito legale, finanziario, shipping e trasporti

Avete un testo, un documento o un brevetto da tradurre?

Contattateci per un preventivo

© 2021 Aglatech14 S.p.A. - Tutti i diritti riservati | Sito web realizzato da Giga Comunicazione | Realizzazione e posizionamento siti web

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi